Montessori per Crescere

Montessori e i periodi sensitivi: 5 modi per supportare il bisogno di ordine dei bambini





Il metodo Montessori, sia in famiglia che a scuola, è incentrato sulla comprensione e conoscenza dei bisogni dei bambini. Il nostro stile parentale, l’approccio educativo ed in generale il modo in cui ci relazioniamo ai bambini, hanno innanzitutto lo scopo di rispondere adeguatamente a delle necessità che appaiono e si sviluppano durante la crescita e che la Dott.ssa Montessori definisce come periodi sensitivi e tendenze umane.

“Se il bambino non ha potuto agire secondo le direttive del suo periodo sensitivo, è perduta l’occasione di una conquista naturale: ed è perduta per sempre” M. Montessori.

La mente dei bambini nei primi sei anni di vita, possiede l’incredibile capacità di assorbire senza alcuno sforzo tutto quello che l’ambiente circostante ha da offrire. Il processo di sviluppo non è casuale ma guidato innanzitutto da alcuni bisogni che appaiono, crescono, raggiungono un picco e poi scompaiono. Questi bisogni si esprimono sia nella necessità di perfezionare un’abilità, sia nelle condizioni necessarie perché lo sviluppo proceda nel modo migliore. I periodi sensitivi principali che Montessori individua sono quello del linguaggio, del movimento, dell’ordine e della socializzazione. Alcuni appaiono fin dalla nascita, mentre altri come l’interesse verso gli aspetti sociali, sono visibili dai tre anni.

“L’ordine è uno dei bisogni della vita che, quando è soddisfatto, produce la vera felicità” M. Montessori.

Uno dei primi periodi sensitivi che appare fin dalla nascita ed è particolarmente forte durante i primi tre anni di vita, è la necessità di ordine. La presenza di ordine esterno, aiuta il bambino a comprendere il mondo circostante, categorizzare e a costruire, di riflesso, il proprio ordine interno. L’ordine di cui stiamo parlando non è solamente fisico ma anche mentale. Vediamo nel dettaglio in che modo l’approccio educativo Montessori soddisfa il bisogno di ordine dei bambini.

  1. Ogni cosa al suo posto – un bisogno innato. I bambini prosperano in un ambiente prevedibile e strutturato, in cui ogni oggetto ha un posto designato e prestabilito. Costruire l’ambiente in cui vivono e viviamo in maniera strutturata, non solo semplifica la vita, ma soddisfa la necessità innata di ogni essere umano di orientarsi, sentirsi al sicuro e in controllo dell’ambiente circostante.
  2. L’ordine e il bisogno di indipendenza. L’ordine fisico si collega direttamente ad un altro bisogno fondamentale dei bambini che è quello di indipendenza. Se ogni cosa è al suo posto, non avranno bisogno di chiedere costantemente il nostro aiuto ma potranno muoversi per la casa in maniera autonoma.
  3. L’ordine come prevedibilità. Creare e seguire una routine prestabilita, aiuta a far scorrere la giornata in maniera positiva e calma. Quando i bambini sanno cosa aspettarsi da un momento all’altro, le transizioni inevitabili che avvengono all’interno di una giornata smettono di essere una forzatura imposta dall’adulto per diventare un elemento naturale della vita di ogni giorno.
  4. L’ordine e la routine. La routine non deve essere vista come una lista di attività da eseguire rigorosamente ad una certa ora, ma piuttosto come un ritmo che caratterizza le giornata e, con variazioni minime che sono inevitabili, rimane sostanzialmente inalterato nella sua struttura. Nel nostro precedente articolo dedicato alle routine della mattina, trovate dei suggerimenti utili per cominciare la giornata in maniera positiva.
  5. L’ordine e la disciplina. È importante che le regole siano chiare, semplici ma soprattutto che rimangano sempre le stesse. Solo in questo modo i bambini svilupperanno la capacità di auto-regolarsi, adattarsi all’ambiente esterno e avranno chiaro in mente quale sia il comportamento che gli adulti si aspettino da loro in ogni momento.

“C’è nel bambino un tipo speciale di sensibilità che lo porta ad assorbire tutto di lui, ed è questo lavoro di osservazione e assorbimento che gli consente di adattarsi alla vita. Lo fa in virtù di un potere inconscio che esiste nell’infanzia” M. Montessori.

Iscriviti al Blog

it_IT

CONTATTAMI

montessori per crescere